C’è vita? Kepler ha trovato un bersaglio per le ricerche del SETI ?



Tempo di lettura:4 Minuti, 26 Secondi

sistema kepler 62Mountain View: la missione Kepler della NASA ha scoperto un nuovo sistema planetario che ospita cinque piccoli pianeti intorno ad una stella un po’ più piccola del nostro sole. Due di loro sono pianeti super-Terra, probabilmente fatte di roccia o di ghiaccio misto a roccia, che si trovano nella zona abitabile della loro stella ospite. Questa scoperta fornisce un obiettivo per la ricerca SETI, dal momento che se la vita ha prosperato su questi mondi e ha raggiunto un punto in cui la civiltà ha sviluppato una tecnologia complessa, può essere rilevabile.

Quando la missione NASA Kepler è stato lanciato il 9 marzo 2007, il razzo Delta II portava la speranza di una vasta comunità di scienziati che dedicano il loro lavoro allo studio di pianeti extra-solari, pianeti in orbita attorno ad altre stelle. Principale obiettivo scientifico della missione Kepler è l’esplorazione della struttura e della diversità dei sistemi planetari. Si realizza questo obiettivo fissando quasi costantemente a un grande campo composto da circa 150.000 stelle per rilevare piccoli cali di luminosità a causa dei transiti di un pianeta.

Kepler è già stata una missione della NASA di successo con la scoperta di 2.740 pianeti candidati con dimensioni stimate da Mercurio a più grande di Giove. Un quinto di questi pianeti candidati sono chiamati anche “super-Terre”, una nuova classe di pianeti, con un raggio tra 1,25-2 volte il raggio del nostro pianeta Terra.

Oggi, in un articolo scientifico pubblicato sulla rivista Science e attraverso una conferenza stampa della NASA, il team di Kepler ha annunciato la scoperta di un pianeta del sistema multiplo, composto da 5 pianeti delle dimensioni della Terra e super-Terra che orbitano intorno a stelle di tipo K.

La rilevazione di questi pianeti è indiretta in quanto gli astronomi di Kepler hanno osservato l’attenuazione della luminosità della stella ospite a causa del passaggio di un pianeta nella linea di vista, e non i pianeti stessi. L’autenticità di questo sistema di pianeti multipli è stata confermata da una analisi statistica sulla base di precedenti rilevazioni di diversi pianeti di Kepler.

“Per la stima del tasso di falsi positivi grazie alla possibilità remota di ulteriori stelle pianeta-ospiti in apertura fotometrica abbiamo una forte fiducia che abbiamo scoperto due pianeti in transito genuino super-Terra nella zona abitabile della loro stella ospite. Tali calcoli sono possibili solo per le migliaia di altri pianeti extrasolari transitanti che Kepler ha scoperto ha detto Jason Rowe, Scienziato Ricercatore presso il Carl Sagan Centro del SETI Institute e co-autore del lavoro.

Il pianeta più esterno, chiamato Kepler-62f (con un raggio circa 1,4 volte il raggio della Terra e un periodo di 267 giorni terrestri) si trova nella zona abitabile della stella, una regione intorno alla stella in cui un pianeta roccioso con una atmosfera simile alla Terra potrebbe ospitare acqua liquida sulla sua superficie. La squadra ampliato la definizione della zona abitabile tenendo conto dell’evoluzione della luminosità della stella ospite. I loro calcoli suggeriscono che Kepler-62e (raggio circa 1,6 volte il raggio della Terra e un periodo di 122 giorni terrestri) era anche nella zona abitabile in modo che l’acqua liquida possa esistere sulla sua superficie.

Come Venere e Marte, che si ritiene abbiano perso la loro acqua di superficie miliardo anni e 3,8 miliardi di anni fa, rispettivamente, prima del nostro sole era più luminoso, zona abitabile della stella ospite era più ampia in passato. Calcoli del team Kepler suggeriscono che Kepler-62e (raggio circa 1,6 volte il raggio della Terra e un periodo di 122 giorni terrestri) è anche nella zona abitabile in modo che l’acqua liquida possa esistere sulla sua superficie, anche.

“Queste scoperte ci muovono più in basso la strada alla scoperta di pianeti simili alla Terra. Anche se non sappiamo se Kepler-62e e f sono rocciose o se avere acqua liquida pooling sulla loro superficie, la loro esistenza dimostra che l’incidenza di piccoli mondi nella zona abitabile di stelle simili al Sole è alto. Così siamo in grado di guardare avanti per la scoperta e la caratterizzazione dettagliata dei cugini della Terra negli anni e nei decenni a venire dalle missioni e telescopi del futuro. “, Ha detto Jon Jenkins Senior Scientist presso il Carl Sagan Centro dell’Istituto SETI e anche co-autore del lavoro .

Masse entrambi i pianeti Goldilocks ‘restano sconosciuti perché sono troppo piccoli per produrre effetti gravitazionali rilevabili sulla stella ospite e tra loro. Tuttavia, considerando un limite superiore inferiore per la loro massa e l’età della stella, stimato in 7000 milioni anni, il team suggerisce che entrambi i pianeti sono solidi e sia fatte di un materiale roccioso asciutto, come la Terra, o un grande corpo di acqua circonda un nucleo di ferro e roccia (un mondo acqua).

Keplero scoperte sono una straordinaria opportunità per mettere a fuoco la ricerca di technosignatures condotti presso il Centro di SETI di ricerca guidato da Gerry Harp. Keplero fornisce il rilevamento di exoworlds che potrebbero ospitare acqua sulle loro superfici e potenzialmente. Purtroppo, i pianeti del sistema Kepler-62 sono troppo distante (850 anni luce dalla Terra) per essere pienamente caratterizzato, e nessuna misura diretta della loro composizione atmosferica è possibile con le attuali tecnologie.

“Dal dicembre del 2011, il programma sonata per la ricerca di intelligenza extraterrestre con l’Allen Telescope Array è stato incentrato sui candidati esopianeti Kepler e soprattutto quei pianeti dovrebbe essere all’interno della” zona abitabile “delle loro stelle. Nostri sondaggi migliorare il precedente, . generalmente narrowband SETI coprendo la gamma di frequenze radio in cui l’atmosfera terrestre è più trasparente, tra cui molte frequenze mai prima osservate Ci aspettiamo di completare un sondaggio significativa di queste stelle in meno di 1 anno -. assicurati di tornare presto ” dice Gerry Arpa, direttore del Centro per la ricerca SETI.

Ulteriori informazioni le trovate sul sito ufficiale del SETI

 



Stephen A. Kleckner

Sono un sistemista informatico ed ho viaggiato molto in cielo, in terra e per mare. Amo la natura, il mare e lo sci. Sono molto curioso e sono appassionato di fisica. Ho una Mini Morris 850 e sono appassionato di LEGO. Adoro Star Trek.

Rispondi

Next Post

Come nascondere messaggi segreti nelle immagini

Mar Apr 23 , 2013
In  questa foto c’è una testo nascosto…! Oltre che un merlo nero al centro.. eheheh Non ci crederete, ma in questa imamgine c’è un testo nascosto, quale? Solo chi conosce la password (password) per decriptare l’immagine ed usa Secretbook un  plug-in di Chrome può scoprirlo. Altrimenti l’immagine risulta completamente uguale a prima… 🙂 In realtà è […]
error: Il contenuto è protetto... :)
Open chat
1
Hai bisogno di aiuto? Need Help?
Ciao hai bisongo di aiuto? Se mi vuoi scrivere, puoi farlo qui..

Hello do you need help? If you want to write me, you can do it here ..