Fotografia di Vista de la Foce di Genova e più in là piazza Dante e sulla destra il teatro Carlo Felice. In fondo i monti innevati.
Vista de la Foce di Genova e più in là piazza Dante e sulla destra il teatro Carlo Felice. In fondo i monti innevati.

Genova – Il giorno prima di un trasferimento, ha anche dei giorni precedenti…

Questo ne ha almeno due, ma il preavviso è arrivato già il venerdì precedente. Il giorno prima del trasferimento è sempre un giorno importante. Perché praticamente sei in pre-allerta già da diversi giorni, in questo caso il piano originale era di partire da Bari il mercoledì, cioè oggi.

In pratica sarei dovuto partire il martedì per raggiungere Riccione o direttamente il mercoledì per raggiungere Baria in aereo, che poi si atterra a Brindisi (BRI) e da lì si sarebbe raggiunto Bari con autobus. La domenica sera ci siamo sentiti via WhatsApp ed abbiamo rimandato la decisione alla mattina del lunedì, ma già quella sera il GFS dava un previsione per giovedì e per venerdì molto con venti molto forti nell’adriatico meridionale, ed onda molto alta nello Ionio, quasi 2 metri sotto costa. Quella sotto la previsione del GFS con l’animazione a livello meteo di quello che sarebbe stata la situazione durante il nostro tragitto se fossimo partiti il mercoledì.

Lunedì, quindi, sancita l’impossibilità di navigare abbiamo rimandato a seguire.

Mercoledì, oggi, questa mattina, abbiamo deciso di partire venerdì da Bari, quindi dovrò raggiungere Rimini domani.

Il giorno prima, si passa a cercare di capire come raggiungere il porto di partenza. Si pensa all’aereo in extremis che sarebbe stata la prima soluzione del mercoledì se si fosse partiti da programma, poi si passa alla macchina in affitto perché si capisce che l’aereo non accetta, inoltre abbastanza chili di tutta l’attrezzatura che ti devi portare dietro. Scopri che in questa settimana l’Avis sta facendo il cambio flotta per cui non ci sono macchine da Genova. Allora devi trovare una soluzione treno verso Bologna e poi macchina da Bologna a Riccione per poi l’indomani partire verso Bari alle 5:00. Insomma la mattinata vola via nella prenotazione sia del treno che della macchina.

Verso sera timidamente tendenzialmente proprio alla mezzanotte, si scarica il GFS sperando che dia una previsione tendenzialmente positiva e tranquilla per i prossimi 3 o 4 giorni.

SI controlla tutta l’attrezzatura, così in caso si hanno ancora 3 giorni per ripararla o predisporre l’acquisto di qualche cosa che possa mancare. Si fa una sorta di check-list che vi farò vedere domani nel prossimo articolo. Si prepara la valigia perché di fatto domani è l’ultimo giorno che si passa a casa. Si finiscono gli avanzi in frigorifero, si porta fuori la spazzatura, si da una rassettata alla casa, prima di partire, ci si organizza tutte le chiavi e le poche cose da portarsi dietro.

Il resto sarà un lungo viaggio fino al primo porto da cui si prenderà la barca a vela, dopodiché al porto successivo per fare rifornimento ed infine al porto di destinazione…

Questa sopra invece è la previsione del GFS animazione del livello vento. Scaricata attraverso con WeatherTrack l’applicazione che ho inserito nell’articolo Le 6 migliori app meteo per la navigazione in barca [in aggiornamento continuo]

Sotto invece l’animazione del livello nuvolosità sull’Italia per i prossimi giorni…